Gallery

[AV] Run

[AV] Projects

DEL BUONO VITTORIOSA A CLES

L’azzurra vicentina corre il secondo crono dell’anno nei 1500

Federica Del Buono/ PH. Valeria Biasioni

Federica Del Buono/ PH. Valeria Biasioni

Giovedì sera Federica Del Buono è tornata a correre la sua distanza prediletta, i 1500 metri, dopo quasi due anni dall’ultima sua uscita sulla distanza. L’occasione è stata il Meeting Internazionale Melinda di Cles dove ha fatto segnare il tempo di 4’08″94, seconda miglior prestazione italiana dell’anno dietro al 4’07” 91 di Margherita Magnani. Federica (Forestale/ AV Frattin Auto) ha recuperato al meglio dall’infortunio che l’ha tenuta ferma ai box da fine febbraio e punta a concludere la stagione con buoni riscontri cronometrici. Nessuna avversaria è stata in grado di reggere il suo ritmo e ha tagliato il traguardo con buon margine sulla britannica Sarah McDonald seconda in 4′ 16″ 60. Il debutto in pista di questo 2016 è avvenuto a luglio a Trento dove ha fatto segnare la miglior prestazione italiana dei 3000 metri correndo in 9’09″18. Prossimo appuntamento il Meeting di Rovereto in calendario il 6 settembre.  Sempre a Cles primato personale per Matteo Beria (AV Despar) che giunge terzo in 48″ 73, poco distante dal compagno di squadra, Tidjane Minougou, secondo in 48″45.

GALVAN SI FERMA ALLE SEMIFINALI DEI 200

Matteo Galvan/  Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarl

Matteo Galvan/ Foto di Giancarlo Colombo_Fidal

Matteo Galvan conclude la sua prima Olimpiade alle semifinali dei 200. Il vicentino chiude con il crono di 20″88 in ottava posizione nella terza semifinale dei 200 dove la vittoria è andata a Alonso Edward con 20″07 e seconda piazza per Churandy Martina con 20″10. Matteo non riesce a riscrivere il proprio primato personale di 20″ 50, siglato ai Tricolori Assoluti di Rieti visto le molte energie spese in batteria  per agguantare un posto in semifinale. Galvan chiude al 24esimo posto complessivo. Fuori dalla finale anche uno dei pretendenti al podio quale Justin Gatlin, beffato nel finale dall’olandese Martina. Il finanziere vicentino non si era presentato al meglio all’appuntamento a cinque cerchi e ha cercato di dare il massimo. E’ stato protagonista di una stagione che l’ha visto correre per ben due volte il giro di pista in 45″12, nuovo record italiano, lasciando intendere che il muro dei 45″ potrebbe essere abbattuto per la prima volta da un italiano. Atletica Vicentina, la società che l’ha visto crescere, potrà contare su di lui alla Finale scudetto dei societari Assoluti che si disputerà a fine settembre a Cinisello Balsamo.

GALVAN SUPERA LE BATTERIE DEI 200

Matteo Galvan / Foto COLOMBO_FIDAL

Matteo Galvan / Foto COLOMBO_FIDAL

Galvan entra nelle semifinali dei 200 metri alle Olimpiadi di Rio correndo una bellissima batteria.
Grande rimonta nei 50 metri finali che l’ha portato al secondo posto dietro al vice campione olimpico dei 100 metri Gatlin.
Alle 3 italiane di giovedì mattina la semifinale tra i migliori al mondo.
Batterie superate cosi come il rammarico per la prova dei 400 metri di venerdì scorso dove non è riuscito a ripetere gli standard stagionali.
FORZA MATTEO!

NIENTE SEMIFINALE PER GALVAN A RIO

L’azzurro vicentino non si dà per vinto

Martedì sarà al via delle batterie dei 200

Matteo Galvan in azione a Rio de Janeiro/ Foto COLOMBO_FIDAL

Matteo Galvan in azione a Rio de Janeiro/ Foto COLOMBO_FIDAL

Matteo Galvan (Fiamme Gialle) ci ha provato lottando fino in fondo ma sfuma l’impresa di accedere alle semifinali dei 400 ai Giochi Olimpici in corso di svolgimento a Rio de Janeiro. L’azzurro vicentino, cresciuto tra le fila di Atletica Vicentina, chiude al quarto posto nella seconda delle sette batterie del giro di pista previste. Il display fa segnare il crono di 46″07 distante mezzo secondo dall’ultimo tempo di ripescaggio di 45″ 54 del ceco Pavel Maslàk,  In questo primo turno non si registrano tempi sensazionali con solo due atleti, probabili finalisti, capaci di scendere sotto i 45″. Nella batteria di Matteo il primo posto va a Bralon Tiplin con 45″ 15, seguito da Nery Brenes con  45″ 53 e Karabo Sibanda con 45″ 56. Passavano il turno i primi tre di ogni batteria ed i migliori tre tempi di ripescaggio. Peccato per il velocista, originario di Bolzano Vicentino, che non si è presentato al meglio della condizione fisica a causa di un problema al tendine di Achille che l’ha condizionato non poco negli allenamenti prima dell’appuntamento più importante della stagione.  L’accesso alla semifinale poteva essere alla sua portata visto la grande stagione disputata in questo 2016 con il record italiano nei 400 di 45″12 corso per ben due volte. È un peccato – racconta Galvan nel dopo corsa – perché il passaggio alla semifinale, in condizioni normali, sarebbe stato alla mia portata; purtroppo i problemi al tendine d’Achille patiti nel post Europei , alla fine si sono fatti sentire.Non in termini di dolori, perché adesso sto bene, ma certo ho perso qualcosa a livello di preparazione. Proverò a rifarmi nei 200 metri, che correrò senz’ altro. Matteo non si dà per vinto e martedì alle ore 11: 50 locali (16: 50) sarà di nuovo in pista nei 200 per poter portare a casa qualcosa di buono visto il personale di 20″ 50 eguagliato ai tricolori assoluti di Rieti dopo aver realizzato il primato italiano nel giro di pista. La carriera di Galvan era iniziato proprio con i 200 dove ha colto un bronzo straordinario ai Mondiali allievi di Marrakech.

GALVAN È ARRIVATO A RIO

Matteo Galvan con Christian Zovico e Alfio Giomi

Matteo Galvan con Christian Zovico e Alfio Giomi

Dopo una decina di giorni a San Paolo, il vicentino Matteo Galvan è approdato a Rio de Janeiro.
Il periodo di finalizzazione nella capitale paolista è trascorso nel migliore dei modi dal punto di vista tecnico e ambientale grazie anche al calore della comunità italo-brasiliana che ha accolto gli azzurri dell’atletica leggera. Agli ordini di coach Chiara Milardi lo sprinter ha svolto allenamenti mirati anche per evitare ricadute rispetto alla borsite emersa nel periodo degli Europei di Amsterdam.
A San Paolo era presente anche il presidente di Atletica Vicentina Despar Christian Zovico, chiamato dal presidente Fidal Alfio Giomi a coordinare le attività extra-tecniche della Federazione in Brasile già dal 2013. Venerdi la batteria dei 400 metri segnerà il debutto olimpico per il neo titolare del primato italiano della specialità.  Galvan, sbocciato atleticamente con i colori arancioni, è arruolato nelle Fiamme Gialle per l’attività professionistica individuale e in contemporanea indossa la maglia AV Despar per i campionati di società.
In bocca lupo a Matteo che ha il grande merito di riportare Vicenza in ambito olimpico.

NICOLE POZZER DOTTORESSA IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE TURISTICA E COMMERCIALE

Nicole Pozzer

Un altro importante traguardo raggiunto per Nicole Pozzer. La mezzofondista di Atletica Vicentina ha concluso, lo scorso 6 luglio, il suo percorso magistrale di studi Continua la lettura